Goodmorning 01.04.10

0

Oggi è il primo Aprile, quindi i fake e le prese in giro vere e proprie non mancano. Cercheremo, per quanto possibile, di evitare di propagare questi meme, ma non possiamo garantirvi di riuscire nell’intento…

————

Il vetro anteriore è talmente grande che potrebbero utilizzarlo come faro portuale.

Il vetro anteriore è talmente grande che potrebbero utilizzarlo come faro portuale.

Il Canon 85mm f/1.2 L USM II è uno degli obiettivi più amati dai fotografi, certamente costoso ma dalla qualità elevatissima. Photozone l’ha messo su banco per testarne, numeri alla mano, le prestazioni. La grande luminosità è accompagnata da una costruzione a livelli elevatissimi, segno che la “L” nel nome non è lì solo per figura. Le prestazioni dell’AF sono notevolmente migliorate rispetto al vecchio modello, raddoppiando quasi la velocità di messa a fuoco. Altra particolarità di questo obiettivo è il fatto che la ghiera di messa a fuoco non agisce direttamente sulle lenti ma comanda il motore USM che si occupa poi di disporre le lenti interne. Questo fa si che la ghiera stessa sia estremamente morbida e fluida, in quando non muove direttamente i pesanti vetri ma deve solo inviare un segnale elettrico. Le prestazioni ottiche sono praticamente allo stato dell’arte. La distorsione è praticamente non misurabile, la vignettatura visibile solo a tutta apertura ma in ogni caso entro limiti accettabili, la nitidezza a livelli di eccellenza in ogni area. Solo l’aberrazione cromatica resta come tallone d’achille, ma è un piccolo difetto (tra l’altro facilmente correggibile in PP) che non inficia il giudizio su questa lente. [A.B.]

————

Il fotografo, nonché biologo, Roberto Nistri ha organizzato per i primi di Giugno un workshop dedicato alla fotografia naturalistica sull’isola di Capraia, da alcuni anni diventato parco nazionale marino. Capraia è una isola molto particolare, data la sua origine vulcanica e la sua posizione strategica praticamente a metà strada tra la costa toscana e la Corsica. La varietà di piante e animali è davvero impressionante, mentre i luoghi senza tempo ed i panorami quasi incontaminati sono un vero spettacolo. Certo il costo della 4 giorni (più due di briefing/debriefing) è abbastanza elevato, ma perlomeno accettabile considerando il fatto che comprendo vitto e alloggio per la durata del soggiorno. [A.B.]

————

Segnaliamo in breve una nuova galleria dedicata all’Afghanistan da parte di The Big Picture. La situazione internazionale lascia aperto qualche barlume di speranza di poter risolvere la situazione, programmando il graduale ritiro delle forze armate straniere nel momento in cui il governo locale e le forze di polizia abbiano la necessaria organizzazione per il mantenimento dell’ordine. Purtroppo sembra anche che i tempi non saranno brevi, ma l’orgogliosa popolazione afgana ha la forza per risollevarsi nuovamente. [A.B.]

————

Photographers ha pubblicato una breve monografia su Patricia Gil e sul suo particolare modo di vedere la fotografia. I suoi paesaggi vengono accostati allo stile di Gianni Berengo Gardin (anche se forse è un accostamento un po’ eccessivo), ma le straordinarie intuizioni, la ricerca quasi filosofica sul rapporto tra natura e uomo e la incessante necessità di spazio sono caratteristiche fondamentali della sua fotografia. Nonostante questi tratti da fotografia d’altri tempi, il suo stile è tutto sommato moderno ma non totalmente concettuale (come va abbastanza di moda oggigiorno); gli scatti sono sempre delicati, anche se la tendenza ad esagerare con la vignettatura è diffusa nel suo portfolio. [A.B.]

————

Su forum di Juza è stato pubblicato il reportage sulla Zambia scritto da Luigi Fiori. Le fotografie presentate sono di buon livello, ritraggono per lo più la fauna locale, ma vi sono anche gli immancabili quanto emozionati paesaggi africani. Ottimo invece il racconto, scorrevole e divertente, non molto ricco di particolari riguardanti la logistica, ma con le indicazioni sufficienti a ripercorrere (sull’atlante o sulle gomme di un fuoristrada) lo stesso percorso. Vi avvisiamo che una punta di invidia è naturale accompagnamento nella lettura. [A.B.]

Share.

About Author

Leave A Reply