Goodmorning 06.04.10

0
Chi non vorrebbe fotografare in una situazione simile?

Chi non vorrebbe fotografare in una situazione simile?

Interessante il workshop organizzato da StudioFotografando presso la tenuta “San Giovanni” di Olevano dedicato interamente al ritratto ambientato con illuminazione artificiale. Ogni partecipante avrà infatti una sessione completamente riservata nella quale potrà impostare l’illuminazione ed il set a suo piacimento, oltre ovviamente a disporre della piena collaborazione della modella. Il costo, comprensivo anche del pranzo e dell’aperitivo finale, non è nemmeno troppo elevato. Se poi date uno sguardo alla modella (e fate parte del genere maschile), credo vi rimarranno pochi dubbi. [A.B.]

————

Adobe ha da poco pubblicato due aggiornamenti per Camera Raw e Lightroom. Si tratta di versione Release Candidate, ovvero l’ultima fase beta prima del rilascio finale, rispetto alla quale la stabilità dovrebbe essere identica (salvo bug dell’ultimo minuto). Gli aggiornamenti riguardano soprattutto il supporto ai RAW generati da fotocamere digitali recentemente uscite, quali la Canon EOS 550D, Panasonic G, Panasonic G10, Sony A450 ed altre. Se dunque non utilizzate uno di questi modelli, potete anche saltare l’aggiornamento in attesa delle prossime versioni, anche se è sempre raccomandabile utilizzare la versione più aggiornata. [A.B.]

————

Da noi la Primavera è arrivata (forse) solo oggi. Ma in altre parti del mondo la Natura si sta già risvegliando, mostrando i primi segni di vita dalla scorsa estate. The Big Picture ci mostra qualcuno di questi piccoli e grandi segnali, i nuovi e colorati fiori, i piccoli appena nati ed i germogli che esili nascono dal terreno fertile. [A.B.]

————

Photozone ha pubblicato la recensione dell’obiettivo Zeiss ZE Distagon T* 35mm f/2 montato su una Canon 5D Mark II. Come spiegato nell’articolo, la versione dell’obiettivo testata è quella dedicata alle macchine Nikon, montata sulla Canon tramite adattatore, poiché non sono riusciti a reperire la versione ZE. In ogni caso, lo schema ottico è identico, quindi i risultati sono validi. Questo obiettivo, come tutti gli Zeiss, è un obiettivo fisso con messa a fuoco manuale e grande luminosità, caratterizzato dalla eccellente costruzione completamente in metallo. Il diaframma è fortunatamente ad azionamento elettronico e mantiene la conferma della messa a fuoco. Le prestazioni messe in mostra sono ottime, con una nitidezza a livelli molto elevati, eccellente al centro e buona ai bordi a qualsiasi diaframma. Ottima anche la distorsione e l’aberrazione cromatica. Un po’ meno buona la vignettatura, molto elevata ai diaframmi più aperti. La più grossa pecca resta comunque il prezzo, abbastanza elevato rispetto a soluzioni simili per focale e prestazioni (e che però sono dotate di autofocus). Certo la costruzione è davvero a prova di caduta, ma probabilmente non è sufficiente a giustificarne completamente il prezzo. Photozone ha inoltre testato l’obiettivo Canon EF 85mm f/1.2 USM L II anche su formato FullFrame, dopo aver già pubblicato quello effettuato su APS-C: oltre alla vignettatura ulteriormente peggiorata, sul formato più grande si nota anche una minore nitidezza ai bordi, che diventa buona solo da f/4 in poi. Intendiamoci, non che sia scarsa, ma sicuramente migliorabile. Resta dunque una buona lente, ma non ottima come sul formato ridotto. In ogni caso, resta comunque la lente da ritratto per eccellenza, grazie alle ottime prestazioni anche a tutta apertura. [A.B.]

————

Photographers ci segnala ben 4 volumi dedicata alla fotografia, nella sua rubrica mensile La Libreria. “La Scuola di Düsseldorf” riguarda l’omonimo movimento artistico fotografico nato dai coniugi Becher negli anni 60 ed è una analisi degli autori che seguirono questa Scuola e delle loro opere. Altri due volumi sono invece dedicati a due grandi circoli della fotografia italiana, quello della Bussola nel libro “Forme di Luce” ed della Gondola nel volume “Fotografia a Venezia nel dopoguerra”, associazioni che hanno visto nascere i più famosi ed influenti fotografi del nostro paese, tra i quali Giacomelli, Branzi e Camis nel primo e Gianni Berengo Gardin, Paolo Monti, Elio Ciol, Fulvio Roiter nel secondo. Infine un volume immenso dedicato a “La fotografia in Italia 1945 – 1975″, contenente non solo le mere biografie e le maggiori opere dei fotografi che hanno fatto la storia di quest’arte nel nostro paese, ma soprattutto analizzano in modo approfondito l’intera storia della fotografia di quel periodo. [A.B.]

————

LensTip ha testato l’obiettivo Sigma 28 mm f/1.8 EX DG Aspherical Macro. Sulla carta, la buona costruzione ed il costo ridotto rendono questo obiettivo un ottimo equivalente al normale sul formato ridotto (la focale equivalente è infatti di circa 45mm su APS-C) e la grande luminosità è un valore aggiunto non trascurabile. In pratica, la nitidezza è davvero ai minimi termini, con fotogrammi accettabili solo da f/2.8 o ancora meglio da f/4 in poi. Distorsione e vignettatura sono tutto sommato nemmeno troppo elevate, anche se la caduta di luce agli angoli è abbastanza visibile sul formato pieno ed alla massima apertura. Ottima anche la resistenza a flare e ghosting. Un obiettivo, dunque, sul quale restano forti dubbi sulla validità, anche considerando il prezzo onesto al quale viene venduto. [A.B.]

Share.

About Author

Leave A Reply